Richiesta SPID: ecco come ottenere le proprie credenziali

Richiesta spid

Dimentica le lunghe file agli sportelli! Ora l’accesso ai propri documenti è possibile grazie all’identità digitale o SPID. Attraverso questo strumento l’utente è in grado di fornire una sorta di certificato d’identità che consente l’accesso ai portali della pubblica amministrazione, usando una sola username e password. Un sistema, questo, che facilita l’accesso ai servizi online, evitando di dover ricorrere a credenziali diverse per ogni sito web che si naviga. Ne parliamo in questo articolo.

Come ottenere lo SPID

Abbiamo già visto ampiamente cos’è lo SPID e a cosa serve. Lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) consente l’accesso ai servizi online della pubblica amministrazione (come ad es. INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, Equitalia, ACI, MIUR, AgCOM etc…) e dei privati che aderiscono mediante un’unica Identità Digitale, utilizzando quindi una sola username e password, da smartphone, computer o tablet. Ma come si può ottenere?

La richiesta SPID può essere effettuata da tutti i cittadini maggiorenni, in possesso di una carta d’identità e di un codice fiscale italiani in corso di validità, residenti in Italia o all’estero.

SPID: come richiederlo

Per richiedere lo SPID è necessario fornire alcuni dati. Ecco cosa serve per richiedere lo SPID:

  • un indirizzo e-mail;
  • un numero di cellulare;
  • un documento di identità valido a scelta tra carta di identità elettronica (formato tessera), passaporto o patente;
  • il codice fiscale.

Per creare la propria identità digitale bisogna come prima cosa scegliere un Identity Provider, ossia un fornitore di Identità Digitale, fra tutti quelli che risultano accreditati dall’AgID (Agenzia per l’Italia Digitale) e registrarsi sul sito. A questo punto verrà richiesto di inserire i propri dati anagrafici, creare le credenziali SPID e procedere al riconoscimento.

Dove posso richiedere lo SPID

Richiedere lo SPID gratis per l’attivazione del profilo base è possibile grazie ai numerosi operatori in grado di rilasciare le credenziali SPID: tra questi figurano Poste Italiane, Intesa, Aruba, InfoCert, SpidItalia, Tim, Lepida, Namirial e Sielte.

Il linea generale il servizio è gratuito anche se ogni provider può prevedere un costo in caso si opzioni l’attivazione da remoto, così pure un livello di sicurezza maggiore.

Richiedere SPID con Poste Italiane

Se decidi di richiedere lo SPID con Poste Italiane, ad esempio, puoi effettuare il riconoscimento portando con te i documenti necessari in qualsiasi ufficio postale, subito dopo aver effettuato la registrazione online.

Rilascio credenziali SPID

A seconda del gestore che si intende scegliere vi sono modalità di rilascio credenziali differenti. Ciascun Identity Provider, infatti, ha la facoltà di stabilire in che modo effettuare il riconoscimento: di persona o tramite Carta di Identità Elettronica (CIE); con Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o tramite Firma Digitale; da remoto, tramite webcam o App, oppure tramite audio-video registrato da PC o smartphone in cui si mostrano il documento di riconoscimento e il codice fiscale. I tempi di rilascio sono davvero rapidi, dai 5 ai 20 minuti.

Cosa fare con SPID

Cosa puoi fare con il tuo SPID? Puoi pagare le tasse, il bollo, accedere ai servizi per la presentazione del modello 730 o dell’Unico, gestire le pratiche relative alla pensione. E ancora, richiedere certificati al Comune, pagare la Tasi, consultare referti online, cambiare il medico di base e molto altro ancora. Anche le richieste di Bonus e la registrazione al Cashback di Stato si effettuano tramite SPID. Dunque, se non l’hai ancora fatto, conviene richiederlo subito.

Riepilogando: scegli il gestore, vai sul suo sito ufficiale ed accedi alla sezione dedicata allo SPID. Segui la procedura di registrazione e procedi alla creazione delle credenziali, secondo la modalità di riconoscimento prescelta. In alternativa ti potrai recare presso una delle pubbliche amministrazioni che svolgono le procedure di identificazione e rilascio credenziali.

Tags: ,




Back to Top ↑